Scopri

ventricina Scerni

 
 
 
 
 

La nostra tradizione

 
La tradizione della "maialatura", ovvero l'uccisione del maiale e la sua trasformazione in salame, è molto diffusa in tutta la regione Abruzzo. Così, la tradizione gastronomica abruzzese vuole che nel mese di dicembre, nella fase della luna calante, una moltitudine di nobili maiali, appartenenti ai contadini, compiano il balzo verso l’immortalità trasformandosi in ventricina. Abbastanza identificabile ed unico, fra i salumi tipici d’Abruzzo, la ventricina del vastese a Scerni, è delimitata storicamente nella zona collinare e pedemontana, prossima al fiume Trigno e al fiume Sinello, detta appunto del vastese.
 
Questa specialità a dispetto di quelle prodotte industrialmente viene realizzata artigianalmente presso la nostra attività. I maiali per la produzione della carne provengono dalla stessa zona di produzione. Gli ingredienti sono esclusivamente carni fresche di suino, perfettamente dissanguate, scotennate, disossate e mondate delle principali frazioni connettivali (tendini ed aponeurosi e dai grassi molli bassofondenti).
 
 
 
 
Stile e
Sapori e tradizioni
Molto legato alle sue tradizioni gastronomiche, l'Abruzzo è caratterizzato da una cucina dai sapori forti, robusti e molto speziati, e la Ventricina rispecchia appieno, con le sue caratteristiche, il range sensoriale dei salumi tipici d’Abruzzo. Il "Gambero Rosso" così ne descrive il gusto “La Ventricina del Vastese è dolce e piccante al tempo stesso. Merito del peperone essiccato pestato, del pepe e dei semi di finocchio selvatico che vi sono all'intero. Ma ciò che la rende speciale è l'utilizzo di materia prima di qualità, il benessere degli animali, la lavorazione manuale e naturale, e ancora, la riduzione della quantità di grasso senza mai tradire la tradizione”. La Ventricina dell’Osteria La Frasca, offre ai suoi clienti un salume assolutamente artigianale e sano, nel rispetto della tradizione, questa è la mission della nostra osteria: contrastare ciò che è successo negli ultimi anni, in cui si è accantonata la storia, la cultura e la tradizione, perché quando si perde di vista il proprio passato, il futuro non propone mai possibilità positive.
 
Ventricina Scerni